PlatinumGames è ancora all-in sui giochi di servizio live nonostante il fallimento della caduta di Babylon


La chiusura di La caduta di Babilonia meno di un anno dopo il suo rilascio non ha scoraggiato PlatinumGames. Nonostante il gioco sia uno dei più grandi flop nella storia del settore, i piani dello studio di produrre più titoli di servizi live non sono cambiati “per niente”.

Il CEO di PlatinumGames afferma che i piani dello studio sono sempre gli stessi

In un’intervista con VGC, il CEO di PlatinumGames Atsushi Inaba ha dichiarato che lo studio ha imparato lezioni dal fallimento di Babylon’s Fall che saranno preziose in futuro. Tuttavia, continuerà a perseguire lo sviluppo del servizio live nonostante il contraccolpo dei fan. Inaba ha dichiarato:

C’è molto che abbiamo imparato da questa esperienza, e non ha cambiato affatto i nostri piani futuri o le nostre prospettive per quanto riguarda la realizzazione di giochi di servizio dal vivo. I giochi di servizio dal vivo sono sicuramente qualcosa che vogliamo fare e ci impegniamo per andare avanti.

Inaba ha alluso ad alcuni dei problemi con Babylon’s Fall a causa dell’accordo dello studio con Square Enix. Tuttavia, non è entrato nei dettagli in quanto “non è in grado di commentare alcune aree dei giochi sviluppati con i nostri partner”. Ha anche affermato che PlatinumGames non si accontentava di corteggiare e compiacere costantemente gli editori e si è scusato con i fan di Babylon’s Fall per la sua breve durata.

Si spera che, man mano che lo studio amplierà i suoi sforzi di autopubblicazione, avrà più successo. Tuttavia, le aziende che ignorano il loro pubblico principale a favore della monetizzazione dilagante raramente lo fanno.




VIDEOGIOCHI ANNI 80 E 90 SHOP NOW